cof
Pubblicità

Piazza Giotto stracolma per il concerto della band made in Florence – Si prendono in giro con frasi del tipo “avranno 150 anni in due” oppure “negli anni 80 ci tiravano sul palco i reggipetti, oggi al massimo qualche pancera”con lo stile ironico che li fece diventare famosi 30 anni fa, famosi al punto che anche Renzo Arbore li volle nella sua trasmissione cult “Quelli della notte”.

oznor

Erano eccezionali negli anni ottanta e lo sono ancora oggi con i loro look simil-Elvis ed una potenza musicale unica. Da “Be bop a lula” passando per “Greats balls of fire” ed arrivando ad una versione di “Desperado” degli Eagles da far accapponare la pelle.
I Dennis & the jets sono stati e sono ancora il simbolo del Rock & Roll. Made in Florence, acclamati come gli alfieri del Rock & Roll, in Italia, con un lungo pedigree di premi, nominations, partecipazioni e featurings.

Mentre la piazza stracolma si scatenava, hanno continuato questa loro Re-union presentando il meglio del rock and roll rimaneggiato ed adeguato perfettamente al loro stile.

Ricordano Gino Santercole e Ricky Gianco che tradussero in italiano quella “Unchain my heart” di Ray Charles riportata al successo negli anni ottanta da Joe Cooker, e la eseguono in modo spettacolare in questo concerto evento che ha concluso la Fiera calda 2018, che di straordinario ha avuto tutto, le canzoni, la musica, l’immagine ma soprattutto la simpatia di un gruppo storico che è riuscito a mantenere viva la voglia di Rock and Roll nel cuore di tutti i loro fan.

mde
Pubblicità
Condividi
Attore e scrittore. Cura la rubrica di cultura e spettacoli per il settimanale Il Galletto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.