Pubblicità

Un percorso nella tematica “vita”, dall’aborto all’eutanasia. L’associazione “ Il Mulino ” Onlus ha organizzato, assieme alla parrocchia di Vicchio ed all’Ufficio per la pastorale della salute dell’Arcidiocesi di Firenze, un ciclo di incontri dal titolo “Insieme per la Vita” avente come tema principale la vita umana. I sei incontri previsti, ognuno dedicato ad una specifica tematica inerente al macro argomento della vita, si terranno fra il mese di ottobre ed il mese di marzo ed avranno diversi ospiti del mondo ecclesiastico a coordinare e moderare le attività.

La partecipazione agli incontri, che si terranno presso la Comunità “Il Mulino” in via di Casole a Vicchio, è gratuita ed aperta a tutti. Questa iniziativa vuole essere, nella visione dell’associazione, un’occasione di dialogo riguardo a temi di attualità, spesso al centro di accese discussioni e pure casi di interesse nazionale.

Fra le tematiche affrontate anche alcune particolarmente sensibili, come ad esempio l’eutanasia e la bioetica, molto trattate in questo ultimo anno dall’informazione anche a seguito di vicende come quelle di dj Fabo (Fabiano Antoniani), l’uomo divenuto cieco e tetraplegico a seguito di un incidente nel 2014 che ha trovato la morte in Svizzera per mezzo di procedure legali nel paese in questione.

Rispetto a temi di questo tipo i punti di vista possono essere e sono molteplici, tutti supportati e motivati da quelli che sono i valori di ciascuno di noi, come ad esempio la morale, l’etica ed altro ancora, ma anche dal credo e dalle religioni, che spesso riguardo al concetto di vita hanno visioni fra loro differenti.

A tal proposito appare importante presentare l’associazione promotrice dell’evento, ossia “Il Mulino”, realtà nata sul finire degli anni ’70 dall’idea di un gruppo di ragazzi riunitisi sotto la guida del catechista Giusto Barbin, che operava a Sesto Fiorentino. Nel 1980 i protagonisti di questa esperienza trovano il luogo dove dar vita al progetto che ancora oggi portano avanti, ossia una vita in comunità, legati dalla condivisione e dal messaggio evangelico delle scritture cattoliche. Al momento nel vecchio mulino di Vicchio (da qui il nome dell’associazione) vivono sei nuclei familiari e quattro persone singole. All’interno della struttura tutti collaborano al sostentamento della comunità, ognuno secondo le proprie capacità ed il proprio lavoro.

Nel 2007 le famiglie si costituiscono in associazione onlus con l’obiettivo di promuovere la cultura della solidarietà e del servizio verso i bisognosi, partecipando a diverse attività di carattere sociale. Il Mulino si fa promotrice di molte attività nell’arco dell’anno, aperte anche alla popolazione.

Per quanto riguarda il ciclo di incontri precedentemente citato il calendario sarà il seguente:

Venerdì 20 ottobre, ore 21.00Che cos’è la bioetica? (Maurizio Pietro Faggioni) [passato];
Venerdì 1 dicembre, ore 21.00L’inizio della vita (Maurizio Pietro Faggioni);
Domenica 17 dicembre, ore 16.30La vita sospesa (Mussie Zerai e Paola Piazzi);
Venerdì 12 gennaio, ore 21.00La vita tra natura e cultura (Maurizio Pietro Faggioni);
Venerdì 26 gennaio, ore 21.00Il fine vita (Maurizio Pietro Faggioni);
Data di marzo da definireLa vita trasformata (Erio Castellucci).

Parteciperanno all’incontro con le loro competenze: Erio Castellucci, docente in Teologia dogmatica e Arcivescovo-Abate di Modena e Nonantola; Maurizio Pietro Faggioni, medico chirurgo e frate francescano professore ordinario di bioetica, oltre ad essere membro di numerose commissioni e realtà cattoliche; Paola Piazzi, presidente della Jesuit Social Network; e Mussie Zerai, prete e attivista eritreo impegnato soprattutto sul tema della crisi europea dei migranti nel Mediterraneo, per questo nominato per il Nobel per la Pace nel 2015.

Pubblicità
Condividi
Nato a Firenze nel 1991. Laureato in Scienze Politiche (Comunicazione, media e giornalismo) ed attualmente studente magistrale in "Comunicazione pubblica e politica" alla Scuola Cesare Alfieri. Musicista ed aspirante scrittore, non esco mai senza un plettro ed una penna.