boxemugello_copy

boxemugello_copySocietà vicina all’ex atleta: “Inconcepibile non aver fermato prima l’incontro”

La Boxe Mugello fa un grosso “in bocca al lupo” a Vigan Mustafà, ex atleta della società mugellana, sfortunato protagonista, lo scorso 25 febbraio a Firenze, dell’incontro valevole per il titolo internazionale dei mediomassimi IBF con lo svizzero-algerino Sofiane Sebihi.

Libri sul Mugello

“Siamo dispiaciuti per l’accaduto e per come la situazione è stata gestita sul ring – afferma a nome di tutto lo staff il maestro Gabriele Sarti, ricordando come sia stata proprio la Boxe Mugello a lanciare Mustafà a livello dilettantistico per poi introdurlo nel mondo del pugilato professionistico – Inconcepibile che nessuno si sia accorto delle difficoltà di Vigan e che l’arbitro non abbia fermato l’incontro prima. La cosa più importante, che ci rende felici – conclude Sarti – è che il ragazzo si sia subito ripreso”. 

Pubblicità