Pubblicità

Per ricordare l’indimenticabile amico padre Franco Cellana nell’attesa del Natale, l’Associazione “Afrika Jipe Moyo – Onlus” (responsabile la cara amica Antonella Bertaccini di Luco), che tanto si sta adoprando per quelle lontane missioni in Kenia, vuole condividere un momento festoso all’insegna di una delle sue grandi passioni: la musica.

Ancora una volta in compagnia della coinvolgente Diapason Band, tutti sono invitati a una serata ricca di divertimento e spirito di solidarietà, che avrà luogo sabato prossimo 1 dicembre 2018 (ore 20) – Buffet la musica è servita – presso l’Auditorium delle Scuole Medie di Scarperia.

Sulla colonna sonora delle spumeggianti hit degli anni ’60, accompagnate dall’esibizione della Honky Tonk Train Blues Scuola di Boogie Woogie & Rock’n Roll, saranno raccolti aiuti preziosi da offrire ai poveri delle missioni di Wamba e di Embu in Kenya in vista delle celebrazioni del S. Natale.

Una foto di questi due carissimi amici che non sono più; Padre Franco
Cellana intervistata da Paola Leoni (Foto A.Giovannini)

Il ricavato dell’iniziativa contribuirà sia a supportare attivamente le  condizioni più critiche in cui versano le tante comunità affamate dalla carestia con l’approvvigionamento di cibo, che a far fronte alle necessità educative dei piccoli studenti poveri di Wamba e dei ragazzi di strada della “Liviero Home” di Embu.

“Auspichiamo che sarete numerosi – ci dice Antonella Bertaccini – per trascorrere con noi questo momento di gioia, condivisione e collaborazione, per essere insieme un astro natalizio di serenità nel cielo delle nostre realtà Missionarie più bisognose”. Tutti gli amici sono gentilmente invitati.

La locandina dell’evento di beneficenza a Scarperia
Pubblicità
Condividi
Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.