Home San Piero a Sieve

San Piero a Sieve

San_Piero_a_Sieve-StemmaUn paese che sorge intorno, e grazie, ad un ponte. E’ la storia di San Piero a Sieve, nato come presidio del passaggio sulla Sieve della Via Bolognese. Un ponte che, solo nel 1372, grazie agli artigiani ed ai muratori fiorentini, fu costruito in muratura (in precedenza, infatti, si trattava di una passerella in legno e pietra).

Fin dall’XI secolo, nei pressi del ponte si trovavano la Chiesa di San Pietro e le poche case che aveva raccolto intorno a sé. Fu solo con il passare del tempo che il paese divenne una tappa per pellegrini e viaggiatori che percorrevano la via dell’Appennino. E’ così che il centro del paese si è sviluppato sul fianco est della collina che sovrastava il ponte; tra l’antica direttrice rappresentata da Via di Cafaggio, e Piazza Colonna; dove nei tempi andati si teneva il mercato. Uno sviluppo che, nei secoli, si è esteso poi sulle rive del torrente Carza. Risale al 1500, invece, la costruzione della Fortezza di San Martino, voluta dai Medici proprio sulla cime della collina che domina il paese. Una storia, quella del paese, andata avanti fino alla costruzione della stazione sulla ferrovia Faentina, nell’ultimo scorcio dell’800.

Letteralmente circondato dagli Appennini (a nord) e dai monti che chiudono il bacino di Firenze; il territorio di San Piero è una vera fonte di storia e tracce di secoli passati. E’ qui che possiamo trovare, ad esempio, il convento del Bosco ai Frati (fondato dagli Ubaldini nel VI secolo), la chiesa di Spugnole, la Villa Medicea del Trebbio e la ville delle Mozzete (proprio adiacente al centro del paese). E’ stato infatti nel periodo mediceo, che il paese ha conosciuto il suo momento di massimo splendore. E proprio sul suo territorio si trovano la maggior parte degli edifici costruiti o restaurati dalla potente famiglia fiorentina.

Recentemente ferito dai lavori per costruzione dell’Alta Velocità Ferroviaria (il torrente che lo attraversa, il Carza, è stato seccato proprio dallo scavo delle vicine gallerie); oggi San Piero a Sieve cerca una propria identità nella vita sociale e culturale. Nonché nello sviluppo industriale con le gestione, insieme a Scarperia, dell’area di Pianvallico.

Sia per la sua posizione centrale in Mugello, sia per la sua relativa vicinanza a Firenze, San Piero a Sieve è, da diversi anni, uno dei paese con la maggiore componente di immigrazione (intorno al 6% sulla popolazione totale; contro una media della Comunità Montana Mugello del 5.2%). Una tendenza che, negli ultimi anni, è andata crescendo in modo sostanziale: basti pensare che, dal 2000 al 2004, il comune ha visto gli abitanti stranieri aumentare di 121 unità; mentre gli italiani addirittura diminuire (saldo negativo tra nascite e morti di italiani).

Nel paese si è a lungo svolto il Palio del Regolo: una sfida tra i rioni a colpi di giochi tradizionali. Oggi di questa tradizione rimane traccia nell’Ingorgo Sonoro: manifestazione di musica e balli in strada che riempie tutto il centro storico e che viene organizzata dai giovani sanpierini. Ogni anno il Comune, organizza anche il Simposio di scultura ‘Premio Antonio Berti’. Una manifestazione organizzata in collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti Fiorentina e nella quale giovani provenienti dall’Italia e dal mondo si misurano con i blocchi di pietra serena di Firenzuola (che partecipa all’organizzazione dell’evento).

Mappa della provincia di firenze
Altitudine: 212 metri slm
Superficie: 36 Km2
Abitanti: 4143 (01/01/2009)
Densità: 113 abitanti/Km2
Cap: 50037
Patrono: San Pietro
Festa: 29 giugno
San_Piero_a_Sieve-mappa-provincia
Sito istituzionale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.