Pubblicità

I voli aerei low cost ha fatto aumentare esponenzialmente la concezione del problema della sicurezza sia in volo, sia da possibili attacchi terrostici. Questi problemi si sono infatti acuiti grazie all’aumento dei voli e purtroppo con l’escalation di attacchi, che hanno colpito al cuore l’Europa.

I controlli sono stati innalzati su tutta la linea, dallo stretto controllo di passeggeri e personale, all’installazione dei mezzi elettronici per avere maggior sicurezza in volo. Questi scali hanno comportato ad un aumento dei costi e negli investimenti, oltre che garantire un maggior numero di controlli. Ma quali sono gli scali italiani più sicuri oltre a garantire un parcheggio economico low-cost presso l’aeroporto?

Gli aeroporti pià sicuri d’Italia:

Dopo gli attentati all’aeroporto di Bruxelles, l’Enac ha innalzato il livello di sicurezza al secondo livello. Inoltre sono stati organizzati dai Comitati di sicurezza aeroportuale di ogni scalo italiano, degli incontri atti alla gestione della sicurezza e della sorveglianza. Dopo questi accorgimenti possiamo dire che i nostri scali sono sicuramente i più controllati, sicuri e monitorati, rispetto a quelli del resto d’Europa.

Bari – aeroporto Karol Wojtyla:

L’aereporto Karol Wojtyla è un’eccellenza Italiana riconosciuta a livello mondiale. Si tratta di un punto di snodo per il sud del paese ed è noto a livello internazionale. Venne costruito negli anni ’30, come aeroporto militare, crescendo fino al punto di diventare un eccellente e sicuro scalo civile.

Esso è costruito su 5 livelli, con una superficie di quasi 30.000 metri quadrati,5.000 dei quali pensate per lo shopping dei turisti in transito. In un anno passano oltre 3,5 milioni di passeggeri, tutti controllati e sicuri grazie alle ultime tecnologie adottate per la sicurezza. Inoltre gli standard di sicurezza sono molto alti, grazie anche alla presenza militare nello scalo. I controlli di sicurezza sono molto efficienti, in modo da garantire tempi d’attesa decisamente ragionevoli e congrui, facendo dell’aeroporto di Bari, un’eccellenza dal design molto moderno.

Roma – Fiumicino:

Quest’aeroporto è sempre stato un punto sensibile, dato che oltre ad essere l’aeroporto della capitale, riceve moltissimi pellegrini in visita. Per questo motivo è al secondo posto per traffico e transito di passeggeri, che spesso lo vedono come aeroporto d’arrivo, per la città del Vaticano. Le tecnologie per la sicurezza sono tra le più recenti e sicuramente abbiamo tra i maggiori dispiegamenti di forze per garantire la sicurezza. Il viaggiatore spesso non le nota, data la grande maestria utilizzate per mascherare questi controlli, in modo da non renderli opprimenti. I tempi d’attesa sono ragionevoli

Milano – Malpensa:

l’aeroporto di Milano Malpensa è quello più trafficato del nord Italia. Qui i passeggeri sono spesso uomini d’affari dato che la città della Madonnina è la capitale economica del paese. Accanto alle tecnologie più moderne, possiamo vedere un dispiegamento di forze, meno discreto rispetto a quello che possiamo aver a Roma. Si possono passare vari livelli prima di entrare nella zone d’imbarco, dove verremo controllati in modo scrupoloso, anche impiegando unità cinofile. Moltissimi sono i controlli, sia a livello passeggero che bagaglio. Infatti dopo vari casi di pesanti furti ai danni del passeggero, ora i magazzini sono tutti video sorvegliati.

Pisa – Aeroporto Galileo Galilei:

L’aeroporto di Pisa è uno dei principali della Toscana e la sua sicurezza ha visto pesanti investimenti dal 2015 in poi. L’aeroporto è relativamente nuovo e con l’aumentare del traffico, sempre nuove tecnologie sono state adottate per garantire la sicurezza dei passeggeri. Inoltre il Comitato Provinciale sull’Ordine e la Sicurezza Pubblica, all’indomani dei fatti di Parigi, ha varato nuove disposizioni nell’ambito delle misure anti-terrorismo. Sono state quindi potenziate le misure di sicurezza a terra, decisioni prese da un tavolo tecnico, che vedeva la questura come parte in causa. Si è ovviamente lasciata la competenza sulla sicurezza dei voli, all’Autorità Aeroportuale. I controlli di sicurezza sono diventati molto scrupolosi, grazie anche al cospicuo aumento del personale di vigilanza con la collaborazione delle forze di polizia cioè Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Carabinieri, in particolare del ramo forestali. Questi militari, sono affiancati da personale di vigilanza privata, scelta dalla società di gestione Toscana Aeroporti. Sono inoltre presenti unità cinofile, e sono stati incrementati il numero di poliziotti in servizio presso l’aeroporto, cosa molto aprezzata, soprattutto in questo periodo di grande incertezza.

Pubblicità
Condividi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.