Pubblicità

Arresti e denunce dei Carabinieri del Comando Compagnia del Mugello. Negli ultimi due giorni (cioè nel fine settimana), l’attività dei Carabinieri mugellani è stata particolarmente intensa per il contrasto dei reati contro il patrimonio e non solo.

Nello specifico, sabato 14 (presso il Centro Commerciale Outlet) in due momenti diversi, sono stati arrestati due fratelli rumeni e denunciati tre cittadini dell’Ecuador tutti per furto aggravato in concorso. Nella circostanza uno dei due fratelli rumeni (L.P.I. e T.I., rispettivamente di 21 e 27 anni – quest’ultimo già con precedenti di polizia) è stato trovato in possesso (subito dopo aver superato il varco antitaccheggio del Punto Vendita Adidas) di capi di abbigliamento, tutti privi di placche antitaccheggio, per un valore superiore a 600 euro ( e in particolare un giubbotto, 5 felpe ed un paio di pantaloni).

Sempre all’interno dell’Outlet, sono stati denunciati tre cittadini dell’Ecuador (due di 35 anni, già con precedenti, ed uno di 24) i quali, a seguito di un controllo sono stati trovati i possesso di alcuni capi di abbigliamento per un valore complessivo di 1.300 euro. In particolare, all’interno del centro Lacoste si erano impossessati di 12 polo mentre al negozio Vans avevano asportato due paia di scarpe. Inoltre, a seguito di perquisizione della loro auto i Carabinieri hanno trovato, all’interno del bagagliaio, altre 4 polo Lacoste; ma del punto vendita Coin sito presso il Centro Commerciale I GIGLI di Campi Bisenzio.

Tutta la refurtiva è stata recuperata e restituita ai rispettivi negozi.

Nel pomeriggio di ieri (domenica 15) a Scarperia e San Piero, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato (estorsione) S.D. 24enne del luogo, pregiudicato.

Il giovane, intorno alle 15:30, con violenza e minacce tentava di estorcere a un 66enne del posto denaro per l’acquisto di un telefono cellulare.

I tre arrestati verranno giudicati con il giudizio direttissimo.

Pubblicità
Condividi

1 COMMENTO

  1. Buone notizie.
    I carabinieri hanno colto in flagranza di reato dei ladri.
    Però.
    Però è mai possibile che queste azioni (come riporta la cronaca) si concretizzino quasi sempre all’outlet?
    Sembra quasi che i carabinieri si occupino solo (o prevalentemente) dei furti all’outlet.
    Io sono maligno, ma un corpo di protezione pubblico che opera, sovente, all’interno di un centro commerciale privato mi lascia perplesso.
    Nei centri dei paesi mugellani sì vedono col cannocchiale i carabinieri. All’outlet fanno arresti continui.
    Io son malpensante, ma un centro commerciale coi numeri che ha si deve “autodifendere”, pagando la sicurezza in privato (essendo privato).
    E i carabinieri lasciati liberi per controllare il territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.