Pubblicità

“Il Comitato Difendi San Godenzo prende atto delle dichiarazioni del Sindaco Scarpelli (clicca qui) che devono aprire un’ulteriore profonda riflessione sulla possibile fusione tra Dicomano e San Godenzo” , così dichiara in una nota Cristian Petronici portavoce del Comitato Difendi San Godenzo , ” infatti, le dichiarazioni del sindaco di Firenzuola da un lato aprono scenari nuovi, come quella del maxi comune del Mugello che produrrebbe ulteriore ‘borgocentrismo’ e disinteresse verso le piccole comunità, e dall’altro lato è significativo il modo in cui il sindaco definisce San Godenzo, ossia un comune ‘extraterritoriale’ rispetto al Mugello”.

“Se San Godenzo”, prosegue la nota, “viene definito extraterritoriale, è evidente che la domanda posta a suo tempo riprende ulteriore vigore: cosa abbiamo a che fare noi con Dicomano che è Mugello? Le nostre perplessità, evidenziate da mesi e che non hanno mai trovato risposte esaustive, vengono confermate dallo stesso sindaco Scarpelli che si pone dubbi sulle ripercussioni che la nostra fusione avrebbe sull’Unione dei Comuni. La realtà è che San Godenzo è un comune montano di frontiera con proprie peculiarità che richiedono un’attenzione esclusiva da parte di un proprio ente comunale e che non si presta a fusioni ”.

“Inoltre”, conclude la nota di Petronici, “se prima venissimo incorporati in Dicomano e successivamente nel comune unico mugellano, temiamo che San Godenzo potrebbe diventare una frazione minuscola di un macroterritorio, ai suoi margini sia geograficamente sia economicamente, a ben 30 Km dal centro abitato che andrebbe ad ospitare il municipio. A nostro avviso questo rischio costituisce un motivo in più per votare No e salvare il nostro territorio da un inglobamento dal quale potrebbe ricavare vantaggio soltanto Dicomano, che andrebbe a contare di più nell’Unione dei Comuni.”

Pubblicità
Condividi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.