Stefano Mugnai Forteto
Pubblicità

«Bene il Senato sul via libera alla Commissione d’inchiesta sulle vicende orribili verificatesi all’interno della comunità-setta del Forteto. Adesso avanti alla Camera, dove sono pronto a raccogliere il testimone avendo da tempo agli atti la mia proposta di legge con medesima finalità»: così il Vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera Stefano Mugnai all’indomani dell’approvazione unanime, a Palazzo Madama, dell’istituzione di una Commissione bicamerale d’inchiesta sui fatti del Forteto.

«Attendiamo l’arrivo del testo licenziato ieri al Senato – annuncia Mugnai – fiduciosi che dopo decenni di coperture il parlamento possa licenziare, possibilmente all’unanimità, l’istituzione di una commissione d’inchiesta. E’ una grande soddisfazione ascoltare oggi esponenti di tutti i partiti prendere le distanze dal Forteto», prosegue l’esponente di Forza Italia che ricorda i primi passi nella ricostruzione delle dinamiche interne alla comunità del Mugello, fatti quando proprio lui, nel Consiglio regionale della Toscana, era alla presidenza della prima Commissione d’inchiesta regionale.

«Oggi è facile dire che il Forteto era un antro dell’orco», osserva Mugnai. «In realtà – sottolinea – il sottoscritto e gli altri commissari della prima commissione d’inchiesta regionale ricordiamo perfettamente la solitudine e l’isolamento politico e istituzionale di quei mesi nei quali provavamo a raccontare cosa fosse veramente il Forteto. Molta strada è stata fatta, ma ancora non tutta. La commissione d’inchiesta parlamentare dovrà servirci a completare l’ultimo tratto nella ricerca di verità e responsabilità, magari evitando inutili strumentalizzazioni».

Pubblicità
Condividi
Responsabile del quotidiano online OK!Mugello.it, attualmente Project Manager presso Sindimedia Srl. Esperto in comunicazione digitale e delle tematiche relative alla Green Economy, sviluppo sostenibile. Solution manager e consulente per aziende. Ideatore e creativo per progetti di comunicazione online.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.