Pubblicità

Il Comitato Non Una di Meno Mugello: ‘Grave evento, sbagliato il patrocinio’. Ma ecco la nota che riceviamo da Non Una di Meno Mugello:

Alla vigilia del 40esimo dall’entrata in vigore della L. 194 del 1978, siamo a denunciare un grave evento accaduto nel nostro territorio.

Mercoledì 2 maggio 2018, per iniziativa della Parrocchia “San
Pietro” di Luco di Mugello, si è tenuta, nel circolo MCL, una
“Giornata della Vita contro la cultura della morte”.

Non solo in tale giornata si è demonizzato il diritto all’aborto,
diritto che è Legge dello Stato dal 1978, ma il rappresentante
territoriale dei cittadini, nella figura del Sindaco, nonché
l’amministrazione comunale, ne hanno dato pure il patrocinio!
Troviamo inaccettabile che un rappresentante dello Stato
patrocini un evento che condanna una legge dello Stato stesso,
definendolo pure “assassino”.

Come Non Una Di Meno Mugello riteniamo fondamentale che il
Sindaco del comune di Borgo San Lorenzo riferisca sull’accaduto
pubblicamente.

Non è tollerabile che si vada a contrastare da parte di un
esponente dello Stato eletto dai cittadini, una legge che ha
raggiunto i suoi obbiettivi e che rischia di non funzionare a causa
del forte dilagare dell’obiezione di coscienza!
17 Maggio 2018 NonUnaDiMeno-Mugello

Pubblicità
Condividi
Direttore responsabile della testata giornalistica OK!Mugello.

17 Commenti

  1. Luigi libero di dire la tua. Ma la legge è legge. E il Sindaco rappresenta lo Stato che deve far rispettare la legge.
    La religione è religione e non tutte sono uguali e e per questo non tutti hanno la stessa
    Gli obiettori mi fanno paura hanno parecchio odio nei confronti di chi non lo è.
    un cordiale saluto

  2. Si sbaglia caro Libero, mi fanno paura chi è contro la vita, l’odio per il nascituro. Questa è la vera aberrazione di una aberrante idiologia. Ho cinque figli e ne sono felicissima.

  3. Titolo fuorviante.
    La “polemica” non è contro la giornata della vita, che mi pare non venga in sé messa in discussione.
    Piuttosto, si chiede conto ad un Sindaco, garante della Costituzione su cui ha giurato, del patrocinio dato ad un evento che intendeva demonizzare un diritto sancito dalla Legge di quello Stato di cui un Sindaco è parte.
    A prescindere da come la si pensi sull’aborto.

  4. L’altra sera a Luco (si poteva condividere o meno) c’era il professor Roberto de Mattei, una delle più grandi personalità del mondo cattolico non solo italiano, Preside della Facoltà di Storia dell’Università Europea di Roma e già Vicepresidente del CNR Consiglio Nazionale della Ricerca : ero presente a Luco e de Mattei ha parlato in difesa della vita nascente da “uomo di scienza e di coscienza” invitando anche al libero dibattito e intrattenendosi, dopo, per dare a tutti, privatemente, delucidazioni. E il Comune di Borgo non avrebbe dovuto dare il suo patrocinio a questa Convegno? Ma davvero qualcuno dei “contestatori” rimpiange il “pensiero unico” dell’ex Unione Sovietica o del Cile di Pinochet?

  5. Quante volte il comune ha dato il suo patrocinio a conferenze ed eventi che non condividevo nemmeno una virgola. Ma mai,dico mai mi sono permessa di scrivere sui giornali irrisioni ed offese. Ognuno la pensa come crede. Siamo o non siamo in democrazia! Se poi uno rimpiange i “soviet” allora è un’altra cosa.

  6. Signor Marcello vede mi sta dando ragione. È felice che un essere umano come lei si sia fatto sulla testa (urina?) Gente come lei ripeto mi fa paura e me la fa fare nei pantaloni e non dimostra di aver rispetto per un altro essere umano bipede come lei.

  7. Le auguro una
    buona vita signor Marcello anche se offende qualcuno che le fa notare le incongruenze.
    Menomale che c’è lei che si accorge di tutto….eccetto del fatto che ci sono delle leggi che regolamentano i diritti e doveri e che vanno rispettati.
    Le possono piacere o no ma ci sono.
    Le faccio un piccolo esempio che puo comprendere anche lei sig. Marcello:
    Tutti si farebbe a meno di pagare le tasse, i contributi ecc. giusto?
    .ma chi paga poi le pensioni?
    Lei é pensionato?Usufruisce del servizio sanitario?
    La 194 é un diritto regolamentato dallo Stato (se qualcuno ne usufruisce è perché ne ha bisogno ) come lo è la pensione il servizio sanitario italiano e tutti i diritti che lei ha. Si cerchi uno stato dove non esiste la194 e tutte le altre leggi che non le garbano se proprio non le va giù ..se guarda bene ce ne é uno dentro l’Italia ma è piccolo.
    E poi diciamo agli extracomunitari di rispettare le leggi italiane…..ma mi faccia il piacere.

    Un cordiale saluto sig. Marcello

  8. PENSO CHE QUESTA POLEMICA SIA AL TERMINE, VISTO E CONSIDERATO CHE OGNUNO RESTA DELLA SUA CONVINZIONE. GRAZIE
    ALDO GIOVANNINI, REDAZIONE OK!MUGELLO.

  9. Totalmente dalla parte della attuale legge dello stato! Ancora garantisce una democratica scelta, nessun obbligo di abortire per chi non vuole ma guai a chi mi tocca la mia libertá di scelta e di pensiero convinto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.