E’ dei giorni scorsi la notizia dell’arrivo nelle case dei mugellani dei bollettini per il pagamento del contributo di bonifica per l’Ato 3 Medio Valdarno (del quale fa parte anche il Mugello).

Questa mattina (domenica 16 luglio) su La Nazione (edizione di Firenze) appare un interessante articolo che mette in luce alcune storture del Consorzio stesso.

Come il fatto che quasi la metà dei 23 milioni raccolti con le bollette degli utenti ‘corsorziati’ se ne vada per spese di gestione dell’ente. E che di questi siano 7,7 i milioni spesi per il costo del personale. E si fanno alcuni esempi: come quello dell’agronomo Direttore Generale (Lorenzo Cecchi De’ Rossi) che nel 2016 ha percepito 95mila euro lordi più 11mila euro di rimborsi. E via con altri esempi e spese…

Insomma. Un totale di quasi 10 milioni di costi di gestione contro 23 milioni incassati. E se le cifre riportate da La Nazione si riveleranno esatte, ci sembra una gestione un tantino costosa, rispetto alle opere eseguite sui nostri fiumi…

Condividi

1 COMMENTO

Commenta l'articolo, scrivi qui!