Pubblicità
foto uno
La Prof. Elisa Marianini durante la sua applaudita conferenza sulle Arti e sui Mestieri dall’epoca medievale ai tempo moderni.

(Ritardata per motivi tecnici). Come i colleghi del Sito Web OK!Mugello hanno ampiamente scritto (servizi presentativi, recensioni, interviste, immagini iconografiche e fotografiche, etc,etc), la prima manifestazione intitolata “Arti e Mestieri in Villa” (Villa Pecori Giraldi), che si è tenuta a Borgo San Lorenzo da venerdi 10 a domenica 12 luglio 2015, ha ottenuto un lusinghiero successo, sia di partecipazione che di pubblico.

Era la prima volta che l’antico maniero della nobil famiglia Pecori Giraldi a Rimorelli, ospitava questo tipo di evento e per tutti gli organizzatori (Comune e Cna in primis) presentare ben 50 artigiani del territorio, non è stata cosa di poco conto; tutt’altro e il pubblico che ha affollato Villa e Parco, nonostante un caldo torrido, davvero insopportabile, ha apprezzato quanto di bello, di significativo, di vero c’era in tutti quegli stands.

Il Mugello è ancora una terra dove la mano, la mente, il cuore dell’uomo (o donna) non è seconda a nessuno: marmisti, stipettai, coltellinai, gioiellieri, falegnami, ferraioli, fabbri-ferrai, sarti, tassidermisti, lituai, ceramisti, concai, corniciai, disegnatori, e quant’altro, hanno esposto la loro mercanzia, il loro sapere, la loro intelligenza e fantasia.

Non facciamo la trafila per la paura di dimenticarsi di qualcuno (per questo è stato stampato un agile libretto dell’editore Francesco Noferini), ricordando solamente lo spaccato storico delle Arti e dei Mestieri in epoca medievale e moderna, tenuto dalla Prof. Elisa Marianini, la quale nella stessa sala del “Caminetto” aveva presentato due settimane prima il suo bellissimo libro storico e Artistico sui “Monumenti ai caduti della Prima Guerra Mondiale” del Mugello, Alto Mugello e Val di Sieve.

Questa volta la Docente di Storia dell’Arte, aiutandosi con significative diapositive, ha illustrato ai numerosi presenti in sala la storia delle Arti e dei Mestieri e ancora una volta Marianini non si è smentita; il percorso di questa conferenza, è stato un excursus di alto spessore storico, poiché portando a conoscenza le motivazioni dell’artista-artigiano e il mondo del lavoro in età medievale e moderna, fra arti, mestieri e corporazioni, il pubblico ha scoperto, o riscoperto, un mondo incredibile che nel tempo ha coinvolto, non solo anonimi e semplici artigiani, (quanti aneddoti e modi di dire, ancora attuali e che non sapevamo la loro provenienza!!), ma anche alti personaggi del mondo dell’arte (vedi Michelangelo, Leonardo, Andrea del Sarto, etc,etc), quindi condottieri e governanti (vedi fra i tanti alcuni Granduchi dè Medici e Lorenesi), per terminare, e non poteva esser diversamente dato che eravamo a Villa Pecori Giraldi dove ospita un bellissimo museo “Chiniano”, alle Arti e ai Mestieri di Galileo, Chini, Tito Chini ed altri componenti di questa poliedrica famiglia.

Terminiamo ricordando, dato che abbiamo parlato con alcuni espositori rimasti abbastanza soddisfatti di questa tre giorni, che gli organizzatori hanno già in mente di mettere in cantiere per il 2016 questa manifestazione, affinchè possa essere un punto di riferimento in questo specifico settore.

Villa Pecori Giraldi con le sue ampie sale e saloni, il suo magnifico parco con le secolari alberature, la sua strategica posizione con ampi parcheggi, è davvero il proscenio ideale.

foto due

Iconografia degli stemmi delle variegate corporazioni

 foto tre

La Paola Leoni di Tele Iride Mugello prsenta il bellissimo spettacolo della sfilata di moda; a sinistra Valentina Viggiano del CNA e a destra il Vice Sindaco Enrico Paoli

(Foto A.Giovannini)

Pubblicità
Condividi

Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.