Pubblicità

A partire dal 2021, fine della gestione di Publiacqua. L’assessore Boni (Borgo San Lorenzo): “Questo è un momento storico, un voto per il cambiamento. Noi promotori”. Ecco la nota in versione integrale, con tutti i dettagli:

Borgo San Lorenzo tra i promotori del voto per cambiare la gestione della risorsa idrica che potrebbe far tornare l’ acqua totalmente in mani pubbliche. A deciderlo i sindaci che compongono la Conferenza Territoriale 3, territorio fiorentino, pratese e pistoiese, nel corso dell’Assemblea dell’Autorità Idrica Toscana.

La votazione, che rappresenta un atto storico, ha dato l’indirizzo per il passaggio da una gestione pubblico-privata, come quella di Publiacqua, ad una gestione totalmente pubblica dando attuazione anche al risultato del referendum del 2011.

Deliberata anche l’approvazione, attesa da anni, di una tariffazione a scaglioni a cui potranno accedere famiglie numerose, con più di tre componenti, che si tradurrà in un risparmio in bolletta.

“E’ stato un processo lungo molti anni – afferma l’assessore con delega al Servizio Idrico integrato di Borgo San Lorenzo Claudio Boni – che ha visto il nostro Comune fra i promotori fin da subito di questa iniziativa storica che ha successivamente trovato molti sostenitori; troppi infatti gli utili che sono andati a Roma, ad Acea, e che invece sarebbero potuti essere investiti sui nostri territori.

Tutti i Comuni presenti nel nostro ambito, da Pistoia a Firenze, passando per Prato, all’unanimità e senza distinzione di appartenenza politica hanno votato in favore di questa ipotesi: a partire dal 2021, fine della concessione di Publiacqua. Questa società ha permesso grandi investimenti in depuratori e condotte per un periodo temporale ampio ed il servizio in qualità e capillarità ne ha risentito positivamente; le estati senz’acqua sono un lontano ricordo; ma, allo stesso tempo, ha mostrato le corde il sistema di gestione pubblico-privato, dove gli interessi sono talvolta troppo contrastanti. Non deve però passare in secondo piano l’approvazione, anche questa attesa e fortemente voluta, della tariffa a scaglioni per i nuclei numerosi che aiuta concretamente le famiglie portando risparmi in bolletta. C’è ancora tanto lavoro da fare per trovare la quadratura sulle modalità tecniche, ma davvero – conclude Boni – possiamo dire che questa è una data storica per l’acqua Toscana”.

Pubblicità
Condividi

5 Commenti

  1. Non si allarghi troppo, l’emerito Comune di Borgo. Ha forse già dimenticato chi fu a far entrare l’allora Consiag nella gestione dell’acqua, fino ad allora comunale, barattando questo ingresso con la futura poltrona della Presidenza Consiag?
    Il grosso guaio è che lo hanno dimenticato anche i cittadini Borghigiani, o forse non se ne sono mai resi conto!

  2. ma di cosa state parlando???? annunci veramente scadenti….
    il 30 Luglio 2018 viene presentata in parlamento legge su acqua pubblica (e non l ha presentata il PD!!!!!!)
    il 31 Luglio arriva questo annuncio del comune come “promotore del cambio di gestione dell’acqua pubblica”..

    COERENZA o PAGLIACCIATA??

    certo che questi amministratori sono veramente dei cialtroni oltre che delle “banderuole”…

  3. ecco la vera notizia…..

    Acqua pubblica e meno cara, i sindaci dicono si

    La conferenza dei sindaci delle province di Firenze, Pistoia e Prato ha chiesto all’Autorita’ Idrica Toscana di tornare a una gestione tutta pubblica dell’acqua. Una richiesta unanime che potra’ essere realizzata dal 2022.

    1- ha chiesto….non significa che verrà assolutamente realizzata!!!!!
    2- non partirebbe comunque dalla data tanto annunciata dall’Assessore Boni (2021) ma eventualmente 2022….. segno che quando era presente a regola non deve aver ascoltato bene…si è sbagliato solo di un anno….

    quindi unendo al commento di resiliente bisogna dire che è un ANNUNCIO un po’ bufala…..

    complimenti davvero……

  4. il 30 Luglio viene presentata la Legge sull’acqua pubblica in parlamento (e non l ha presentata il PD!!!!)…il 31 il comune si annuncia promotore dell acqua pubblica…..ma fatemi il piacere

    la coerenza non esiste per questi cialtroni dell’amministrazione…..

    cialtroni e banderuole!!!

    vergogna…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.