Pubblicità

Stregati completamente! Non solo i nostri bikers (Francesco e Fabrizio Pampaloni in coppia con Marco Ciolli), sono rimasti affascinati dalla bellezza, dalla natura e dagli ambienti montani che hanno attraversato per questa quarta tappa della mitica “Transpyr 2018”, ma anche tutti gli altri ciclisti che sono arrivati al traguardo di Ainsa (in Aragona) con gli occhi pieni di felicità per la conclusione della tappa che ad oggi risulta essere stata la più bella.

Come da programma ieri mattina alle otto in punto il Sindaco di El Pont de Suerte, Jose Antonio Troguet, ha tagliato il nastro per dare il via alla quarta tappa. Con questa partenza la Transpyr saluta la Catalogna ed entra nella Regione Autonoma dell’Aragona.
Un bel sole ed un cielo terso hanno accompagnato i ciclisti per tutta la durata della tappa.
Il percorso si snodava nei passi e nelle valli che, con panorami stupendi, hanno ripagato gli sforzi degli Extreme Bike Mugello insieme alla lunga discesa fino ad Ainsa. Il percorso era entrato nei Pirenei d’Aragona subito dopo la partenza, seguendo una valle costante per i primi dieci chilometri, su una superficie mista di asfalto-ghiaia.

Una volta raggiunta la prima stazione di cibo intorno a K 20, i corridori erano già abbastanza caldi per affrontare la seconda salita della giornata. Intorno a loro le alte vette dei Pirenei come decorazione di sfondo. A seguire una discesa su un percorso difficile, del quale molti tratti sono stati fatti a piedi (solo i tecnicamente più preparati sono riusciti a ‘cavalcarlo’, mentre gli altri hanno camminato e si sono goduti il paesaggio!).

In breve tempo è stato raggiunto un rifugio in mezzo a un piccolo prato che precedeva l’ampia pista forestale. Successivamente è iniziata la scalata verso Collado Gulliver, prima su una strada locale che attraversa piccoli villaggi su strade sterrate e sentieri, molto ripidi in certe sezioni, rocciose e probabilmente aride e polverose.

Una volta raggiunta la terza stazione di cibo situata a La Collada, sotto la montagna rocciosa di Peña Montañesa, si è giunti presso la rinomata destinazione di mountain bike di Ainsa Zona Zero, con un’ampia collezione di singletrail. Da questo punto è iniziata la lunga discesa di molti chilometri in un percorso guidato di single track che ha portato poi i ciclisti a raggiungere la bella cittadina medievale di Ainsa.

Pubblicità
Condividi
Responsabile del quotidiano online OK!Mugello.it, attualmente Project Manager presso Sindimedia Srl. Esperto in comunicazione digitale e delle tematiche relative alla Green Economy, sviluppo sostenibile. Solution manager e consulente per aziende. Ideatore e creativo per progetti di comunicazione online.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.