Un momento del concerto
Pubblicità

Nessuno avrebbe mai pensato che in pieno agosto (giovedi 2 agosto 2018), la Pieve di Borgo San Lorenzo venisse quasi presa d’assalto da centinaia di persone per seguire il concerto per pianoforte a 4 mani, eseguito dalla prof.ssa Ileana Horculescu unitamente al giovane Angelo Corso Faini (nell’articolo di presentazione abbiamo stilato i curricula, clicca qui), di una famiglia quest’ultimo che non ha bisogno certo di presentazioni ed ulteriori notizie biografiche e genealogiche da come questo nucleo è conosciuto nel territorio.

i esecutori mentre ricevano gli applausi del numeroso pubblico presente

Il concerto, organizzato dal Comitato pro Organo Stefanini 1696, con il Patrocinio del Comune di Borgo San Lorenzo, è stato presentato dal pievano don Luciano Marchetti, molto felice di questo così partecipato evento. Poi ha portato il saluto dell’amministrazione comunale l’assessore alla cultura e alla pubblica istruzione Cristina Becchi, per terminare infine, prima dell’inizio del concerto, con il significativo intervento della Prof. Marilisa Cantini, “deux machine” di tutto il complesso organizzativo che ha ricordato i motivi di questo concerto, portando anche a conoscenza diversi particolari di persone che con grande umiltà e semplicità (vedi fra i tanti gli ospiti della Casa di Riposo Giotto di Borgo San Lorenzo), che hanno elargito piccole somme ma di grande significato morale, per contribuire al collocamento del prezioso organo secentesco all’interno dell’Oratorio del Santuario del SS. Crocifisso.

Ileana Horculescu e Angelo Corsi Faini dopo il concerto.

Scritto questo il concerto era imperniato su musiche di J.S.Bach/G. Kurtig, W.A. Mozart, C. Debussy, F. Schubert e J. Brahms. Come abbiamo sempre scritto non siamo critici musicali, ma dal punto di vista esecutivo ci siamo trovati di fronte ad un alto livello professionistico. Due grandi esecutori (ricordiamo la giovane età di Angelo, solo 24 anni!) che hanno interagito alla perfezione dialogando fra loro sia musicalmente che emotivamente. Moltissimi i momenti di puro virtuosismo che nella non consueta formula del 4 mani hanno incantato il numeroso pubblico presente, fra cui, e ne siamo rimasti contenti, molti turisti anche stranieri, che in questo periodo affollano la nostra mugellana terra. Applausi a non finire e tanti complimenti ai due esecutori.

(Foto cronaca di A.Giovannini)

Pubblicità
Condividi
Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.