Pubblicità

Una novità per la situazione della frana di Panicaglia: il 2° lotto dei lavori (costo delle opere previste 780.000,00 euro) che prevede la realizzazione di una paratia di 60 metri a difesa di ulteriori cinque abitazioni rispetto ai lavori del primo lotto (di circa 700mila euro), ha ottenuto il finanziamento dal Provveditorato alle Opere Pubbliche. “Notizia positiva – commenta il sindaco Paolo Omoboni – frutto del lavoro che questa amministrazione con il Provveditorato ha portato avanti dal 2014 e ci ha permesso di avere dalla Regione i fondi per la progettazione del secondo lotto, di cui ieri c’è stato comunicato ufficialmente il finanziamento dell’intervento. Resta la criticità dei lavori del primo lotto: lavori consistenti nella realizzazione di una paratia di pali sono stati eseguiti per oltre il 90%. Purtroppo c’è stato un fermo ai lavori a inizio gennaio 2017 per ragioni tecniche ed economiche relative alla gara di appalto che ricordiamo, non è del Comune ma del Provveditorato alle OO.PP. di Firenze. Come spiegato nell’ultima assemblea pubblica di qualche giorno fa con i cittadini, il contratto con la ditta è stato risolto e sono state avviate le procedure per terminare i lavori”. Spiega ancora Omoboni:

Da 4 anni l’amministrazione e il nostro Servizio Tecnico, andando ben oltre il ruolo rivestito nell’ambito del Protocollo d’Intesa sottoscritto con il Provveditorato, si è sempre adoperata fattivamente per agevolare il Provveditorato, sempre disponibile in questo percorso, nella risoluzione dei problemi emersi, per accelerare la fase conclusiva delle opere previste in progetto: tre riunioni di coordinamento convocate per programmare e coordinare gli interventi da parte degli enti gestori dei sottoservizi, numerosi incontri con i funzionari del Ministero, sia presso la nostra sede che presso il Provveditorato, per chiedere e sollecitare la risoluzione di tutte le criticità e controversie con l’impresa, un rapporto costante con i cittadini e in particolare con il Comitato frana di Panicaglia, soggetto fondamentale per il percorso fatto. È comprensibile per le famiglie il disagio dopo 4 anni dall’evento, ma credo l’impegno di amministrazione e cittadini sia stato massimo, ed abbia dato qualche risultato.
Paradossale che a 8 mesi dalla campagna elettorale qualcuno scopra la frana per farsi qualche selfie o dare pesanti giudizi politici. 1 milione e mezzo di lavori, 60.000 euro per la progettazione, un impegno costante. Per fortuna i cittadini di Panicaglia sanno come stanno le cose e sta a loro giudicare il nostro lavoro.

Pubblicità
Condividi

1 COMMENTO

  1. “Notizie Positive” quelle di gennaio 2018? Nulla di più fresco? Ahi ahi signora Longari.
    Speriamo che i lavori ripartano almeno a ridosso delle elezioni, così sapremo chi invece avrà tutti i diritti di farsi campagna elettorale, giusto?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.