Foto 1. Interno della Pieve con il busto settecentesco di San Lorenzo al centro della navata durante il concerto

Come abbiamo precedentemente annunciato anche in questo 2017, Borgo San Lorenzo ha ospitato un grande concerto di mezza estate, divenuto ormai una bella tradizione, che si è svolto mercoledi scorso 9 agosto 2017, vigilia della festività del Santo patrono San Lorenzo, all’interno della Pieve, gremitissima come era da tempo che non vedevamo nonostante il caldo atroce (caldo all’interno della Pieve; e’ tutto dire!!), alla presenza del sindaco Paolo Omoboni dell’assessore alla Cultura Cristina Becchi, diversi consiglieri comunali, ma sopratutto molti stranieri, una cosa davvero inusuale.

Sotto il bellissimo abside affrescato da Galileo Chini nel 1906, il famoso complesso del “ Nimrod Ensemble ”, composto da Christophe Horak (violino) – il concerto era anche in onore di suo babbo Ivan Horak scomparso pochi giorni orsono – , Francesca Zappa, (viola), Nur  Ben Shalom (clarinetto) e Yannick Van de Velde (pianoforte), dopo la presentazione del dott. Marco Zappa e il saluto del pievano don Maurizio Tagliaferri, eseguendo le musiche in programma (R. Kahn, J.Francaix, J. Brahms, A. Kachaturian, M. Ravel e B. Bartok), la serata ha raggiunto l’ apice della perfezione.

A una prima parte introspettiva affidata al clarinetto di Nur, al pianoforte di Yannick e alla viola di Francesca, maturata tantissimo in questo anno che l’ ha vista madre della dolcissima Helene, è seguita una seconda parte (nella quale si è inserito Christophe col suo violino), che ha evidenziata da parte dei musicisti la continua ricerca interpretativa.

Contrasti sonori improvvisi, virtuosismi al limite delle capacità umane, scambi continui nella conduzione dei temi hanno evidenziata, oltre alla perfetta intesa tra loro anche una teatralità che ha catturato gli spettatori rendendo il tutto uno spettacolo nello spettacolo.

Infine e non per ultimo il brano richiesto a gran voce come bis, (ecco la gradita sorpresa, come era stata preannunciata), ha visto il pievano don Maurizio Tagliaferri con il suo violino, unirsi al terzetto eseguendo un movimento di Dvorak. Niente piaggeria ma don Maurizio è stato all’altezza del quartetto.

Niente da eccepire. Infine la Prof. Marilisa Cantini, durante l’intervallo del concerto ha ringraziato sentitamente il pievano don Maurizio per tutto quello che ha fatto in questi 8 anni di permanenza a Borgo (lascerà la Pieve a metà settembre), e per l’aiuto concreto nel progetto di restauro e recupero dell’Organo Stefanini 1696 che come noto sarò collocato nel Santuario del SS. Crocifisso.

Applausi scroscianti per tutti per poi andare in via Cocchi la strada parallela alla Pieve per consumare in allegria e tanta amicizia un sontuoso buffet, che mi si dice, è stato offerto da una nota azienda di ristorazione locale. Una serata da ricordare.

Foto 2. Un momento del concerto con Christophe Horak (violino), Nur  Ben Shalom (clarinetto) e Yannick Van de Velde (pianoforte).

Foto 3. Un momento del concerto con Francesca Zappa (Viola), Christophe Horak (violino) e il pievano don Maurizio Tagliaferri (violino)

(Foto cronaca di Paolo Marini)

Condividi
Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

3 Commenti

  1. Grazie, Aldo, della bella cronaca della serata.
    Aggiungo solo che il Buffet e’ stato offerto dalla Parrocchia e che il padre di Christophe e’ morto nello scorso febbraio.
    Grazie nuovamente ai musicisti e al Dottor Zappa!
    Alla prossima!
    Marilisa Cantini

  2. Grazie per la puntualizzazione,Ogni tanto qualcosa sfugge .L’importante è portare a conoscenza all’opinione pubblica questa splendida parentesi musicale, seguita da moltissime persone.
    Grazie ancora, Aldo

Commenta l'articolo, scrivi qui!