Pubblicità

Dopo la significativa cerimonia di mercoledi scorso (21 novembre 2018), in occasione della festa della “Virgo Fidelis” Patrona dell’Arma dei Carabinieri, Borgo San Lorenzo ha vissuto domenica 25 novembre 2018, un’altra bella giornata di sano patriottismo, per l‘inaugurazione e la benedizione del Monumento dedicato “tutti gli Alpini andati avanti in guerra e in pace”. A cura del Gruppo Alpini di Borgo San Lorenzo (che ha fermamente voluto questa memoria) e grazie anche alla collaborazione dell’amministrazione comunale; che ha dato la possibilità di collocare il Monumento proprio al centro dell’Aiuola spartitraffico in piazza don Angelo Vallesi proprio davanti al Santurio del SS. Crocifisso.

Un momento della cerimonia all’interno del Santuario del SS. Crocifisso

Ed è proprio all’interno dello stesso Santuario borghigiano, gremitissimo, che si è svolta la cerimonia con la celebrazione della Santa Messa solenne officiata dal pievano don Luciano Marchetti, accompagnata dai bellissimi e struggenti canti del Coro Alpino del Mugello diretto da Paolo Martelli con all’organo la Prof. Marilisa Cantini.

Alcune autorità civili e militari alla cerimonia degli Alpini; da sinistra il Comandante della Polizia Municipale Marco Bambi, il Maresciallo della Guardia di Finanza Vincenzo Emanuele, il Luogotenente dei Carabinieri Maresciallo Fulvio Gagliardo e il sindaco di Borgo San Lorenzo Paolo Omoboni

La cronaca ci racconta che erano convenuti a Borgo San Lorenzo, oltre naturalmente al Gruppo di Borgo San Lorenzo, i Gruppi Alpini di Firenze, Scarperia, Cutigliano, San Piero a Sieve, Barberino di Mugello, Vicchio di Mugello, Palazzuolo Sul Senio, Monte Falterona, Firenzuola e Marradi.

L’intervento del Capo Gruppo degli Alpini di Borgo San Lorenzo Giuseppe Tronconi.

C’erano poi il sindaco di Borgo San Lorenzo, che è rimasto molto soddisfatto di questo collocamento, il Luogotenente dei Carabinieri Fulvio Gagliardo, il Maresciallo della Guardia di Finanza Emanuele Vincenzo, il comandante della Polizia Municipale Marco Bambi, quindi il Corpo dei Vigili del Fuoco con il nuovo comandante Daniele Ciappi, Girolamo Bartoloni responsabile della Protezione Civile, l’Associazione dei carabinieri in Congedo, la Misericordia, l’Associazione Unitalsi, la congregazione del SS.Crocifisso, un bel gruppo di giovani Boy-Scout e naturalmente molti borghigiani che domenicalmente seguono la Santa Messa nel Santuario.

La benedizione del Cippo in piazza Don Angelo Vallesi

Dopo la “Preghiera dell’Alpino” letta dal Capo Gruppo di Borgo San Lorenzo Giuseppe Tronconi, che ha ringraziato sentitamente tutti coloro che in un modo nell’altro hanno contribuito all’innalzamento del Monumento che resterà a perpetua memoria, e l’intervento del Capo Gruppo degli Alpini di Firenze Marco Ardia, tutti gli astanti nonostante una fitta pioggia che ha battuto con forza tutto il mattino, si sono portati all’esterno per l’inaugurazione ufficiale.

La posa della corona d’alloro in memoria di tutti gli alpini

Anche in questo caso sono stati momenti molto emozionanti (splendida l’aquila in bronzo posata sulla sommità del Cippo, realizzata e donata dell’artigiano Bani di Piazzano), per poi portarsi all’interno del Centro Giovanile del Mugello, dove era stato offerto un buffet con il brindisi finale per la soddisfazione di tutti i presenti.

Il Monumento in pietra serena con l’aquila bronzea nel centro dell’Aiuola spartitraffico davanti al Santuario del SS.Crocifisso

Foto Aldo Giovannini

Pubblicità
Condividi
Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

4 Commenti

  1. Grazie Aldo che tramite il nostro OK Mugello,ci tieni informati su queste belle iniziative ,dove si ritrova il piacere di essere una comunità con valori e sentimenti.
    Gli alpini sono stati e saranno sempre ricordo ed esempio e l’aquila nobile e libero animale del cielo li identifica.
    Ugo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.