Pubblicità

Stanno facendo discutere le dichiarazioni del siondaco di Borgo San Lorenzo (e presidente dell’Unione dei Comuni del Mugello) Paolo Omoboni in merito alla fusione dei Comuni.

Omoboni, ripreso anche da un articolo sul quotidiano La Nazione di ieri (domenica 26 agosto) aveva rilanciato il tema. Spiegando di aver scritto (insieme alla sua Giunta) una lettera agli altri sindaci del Mugello in cui ricordava che nel programma dell’Unione dei Comuni c’era anche il tema delle fusioni.

Che invece (tranne Scarperia e San Piero e ora Dicomano e San Godenzo) sarebbero rimaste al palo. E dichiarandosi anche pronto, se necessario, a fare un passo indietro.

Ora a lui risponde il coordinatore di Forza Italia di Borgo San Lorenzo, Davide Galeotti, con la seguente nota:

“Alla ricerca di qualcosa da dire”
Omoboni sindaco di Borgo annuncia di voler fare un passo indietro (dimissioni?) per favorire le fusioni dei comuni mugellani.
Una bella provocazione.
Un gran beau geste.
Forse ha litigato con quell’ Omoboni diventato presidente della Unione dei Comuni sgomitando in nome di un ” obsoleto campanilismo ” , il quale non ha mai messo a ordine del giorno una proposta del genere?
O forse ha discusso aspramente con il segretario del PD borghigiano che non ha manco fatto un convegno sul tema alla festa dell’Unità di zona ?
Oppure è alla ricerca di qualcosa di cui parlare senza provocare orticaria ai cittadini di Borgo….

Insomma, la polemica d’agosto è aperta

 

Pubblicità
Condividi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.