Con lettere inviate all’Unione dei Comuni del Mugello e a tutti i Sindaci della zona a Luglio del 2016 ed a Dicembre 2016, la CGIL del Mugello, unitamente alle Categorie interessate ai molteplici problemi relativi agli appalti, concessioni di servizi…., aveva richiesto incontri finalizzati a definire un protocollo relativo a questi temi.

Il Nuovo Codice degli Appalti con le modifiche apportate qualche settimana fa, l’art.30 della L.122/2016 rendono necessario, a parere della Scrivente, una ridefinizione ed attenzione  nella stesura dei Bandi che nel corso degli scorsi mesi non abbiamo avvertito.

L’inserimento di specifiche clausole sociali volte a promuovere la stabilità occupazionale del personale, la corretta ed integrale applicazione dei contratti collettivi applicati nel settore merceologico oggetto dell’appalto, l’applicazione delle norme sui trasferimenti di ramo d’azienda erano alcuni dei temi sottoposti all’attenzione dell’Unione dei Comuni.Insieme a questo, sempre a parere della CGIL, risulta anche indispensabile rafforzare l’attenzione sul pericolo infiltrazioni criminali e sulla trasparenza.

D’altra parte, in alcuni comuni della nostra zona sono state fatte assegnazioni di servizi messi a gara che prevedono applicazioni contrattuali in contrasto con quanto previsto dal Codice degli appalti.

Nei servizi di pulizia, negli appalti delle mense scolastiche, nelle biblioteche,…., garantire la riassunzione dei lavoratori, le ore d’impiego e le condizioni retributive, il rispetto dei contratti collettivi è sempre più difficile, anche se fino ad adesso abbiamo provato a mantenere questi diritti con accordi.

Ma non è giusto che si debba fare così! Stiamo parlando di lavoratori, soprattutto donne, impiegati per un numero limitato di ore giornaliere; mediamente tra le 10 e le 15 ore settimanali; ma il bisogno di lavorare non può rappresentare una colpa da espiare. E questi lavoratori non sono solo un costo da comprimere.

Risale a qualche mese fa un primo incontro con la Presidenza dell’Unione dei Comuni a cui non ha fatto seguito alcun riscontro. La Cgil auspica e si aspetta che fino dalle prossime gare si applichino integralmente le norme e che dopo il periodo feriale parta finalmente il confronto per raggiungere un accordo sulla materia. Ogni comportamento in contrasto con la normativa verrà puntualmente denunciato.
Paolo Aglietti Coordinatore Mugello/Alto Mugello

 

Borgo San Lorenzo, lì 13 luglio 2017

Condividi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here