Pubblicità

Cronaca e foto di Aldo Giovannini per OK!Mugello – Alcune associazioni, comitati, enti, semplici cittadini che hanno allestito ed organizzato molti eventi in occasione del Centenario della fine della Grande Guerra (1915/1918), ci chiedono un riassunto di quello che è stato organizzato e nello stesso momento un sentito ringraziamento di tutti coloro, che come sopra scritto, si sono adoprati affinchè anche il Comune di Borgo San Lorenzo, che ebbe quasi 450 caduti (senza contare i mutilati), potesse degnamente commemorare questa significativa data della nostra Patria.

Una conferenza; da sinistra Sabrina Landi Malavolti, il prof. Giuseppe Bergamaschi, rag. Maurizio Vignini (Presidente del Rotary Club Mugello) e il dott. Stefano Faucci.

OK!Mugello cher ha sempre seguito tutte le manifestazioni è a completa disposizione, iniziando anche se brevemente ricordare tutti gli eventi con relative date, affinchè ne resti testimonianza per sempre, come fu del resto sul Messaggero del Mugello il 4 novembre del 1918.

Dunque la prima settimana (martedi 23, domenica 26 ottobre 2018) a cura dell’amministrazione comunale di Borgo San Lorenzo, sono state organizzate i seguenti eventi:

Alcuni conferenzieri; da sinistra Ugo Arrighetti, Paolo Martelli (direttore del Coro Alpino del Mugello), Marilisa Cantini del comitato organizzatore, il Colonnello della Croce Rossa Italiana Riccardo Romeo Jasinski, il Prof. Ugo Barlozzetti.

Martedi 23 ottobre 2018 inaugurazione nel Palazzo Comunale di una mostra statica sulla Grande Guerra a cura dell’Istituto Geografico Militare di Firenze presente accanto al sindaco Paolo Omoboni il Generale Pietro Tornabene. Concerto del Coro della Scuola Media Statale “Giovanni della Casa” diretto dalla Prof. Marilisa Cantini.
Giovedi 25 ottobre 2018, proiezione presso il Centro Polivalente in piazza Dante del film “La Grande Guerra” con dibattito finale a cura della assessore Emanuela Pieraccioli. Venerdi 26 ottobre 2018, conferenza nella Sala del Consiglio Comunale del Prof. Bruno Becchi, sul tema” Tra neutralismo e interventismo: l’Italia di fronte allo scoppio della I° Guerra Mondiale”.
Domenica 28 ottobre 2018, Sala del Consiglio Comunale, conferenza del prof. Marco Pinelli sul tema “Straf Expedition 1916”, e conferenza di Aldo Giovannini sul tema “Il Generale Guglielmo Pecori Giraldi e la sua Invitta I° Armata”.
Quindi le cerimonie si spostarono nella settimana successiva all’interno della Villa Pecori Giraldi – e non poteva esser diversamente – casa natia del Generale Guglielmo Pecori Giraldi ivi nato nel 1856.

I relatori sulla conferenza storica e artistica; a sinistra Aldo Giovannini e la dott.ssa Elisa Marianini.

Sabato 3 novembre 2018, inaugurazione della mostra statica con documenti e testimonianze; conferenza del Prof. Ugo Barlozzetti, sul tema” l’Europa e il mondo alla fine del conflitto tra speranze e nuove guerre”; conferenza del Colonnello in congedo della Croce Rossa Italiana Riccardo Romeo Jasinski, sul tema ”l’Altra battaglia: la Croce Rossa italiana nell’assistenza ai feriti, malati ed invalidi nella Grande Guerra e negli anni successivi al conflitto”; conferenza del prof. Giuseppe Bergamaschi sul tema “ La prima guerra mondiale e l’Unità d’Italia; conferenza del dott. Stefano Faucci sul tema “ 1917/1918, un anno sul Piave”.

Il Coro Alpino del Mugello posa insieme ai componenti del Teatro Idea diretto da Vieri Chini.

Domenica 4 novembre 2018, cerimonia rievocativa a Ronta di Mugello con la deposizione di una corona al monumento dei Caduti e al parco della Rimembranza , quindi la Santa Messa in suffragio nella Chiesa Badia di San Michele celebrata dal Parroco don Nicolò Santamarina alla presenza del sindaco di Borgo San Lorenzo Paolo Omoboni. Conferenza a villa Pecori Giraldi (sala degli Stemmi) della Prof. Elisa Marianini, storica dell’arte, sul tema “ La memoria dei caduti della Grande Guerra in Mugello”; lettura, quindi a cura di Aldo Giovannini appassionato di storia locale, lettura di alcune lettere di soldati mugellani sul fronte di guerra. Performance teatrale del Teatro Idea diretto da Vieri Chini ( Paolo Braschi, Gloria Barbati, Daniela Pini, Marilisa Cantini, Paolo Castelli, Francesca e Giuseppe Bacci), sul tema “Parole e Musica dalla Grande Guerra”; finale con i Brani sulla Grande Guerra eseguiti mirabilmente (quanti applausi!) dal Coro Alpino del Mugello diretto dal Maestro Paolo Martelli. Buffet finale.

Ecco quindi tutto quello che è stato organizzato ed allestito e quindi la Prof. Marilisa Cantini che è stata il “deux machina” di tanti eventi, anche perché le offerte che sono state raccolte a Villa Pecori Giraldi sono andate a favore del restauro dell’Organo “Stefanini 1696”. Ecco quindi i ringraziamenti del Comitato organizzatore presieduto da Marilisa Cantini:
1 – Assessore alla Cultura Cristina Becchi, il Sindaco Paolo Omoboni;
2 – Presidente del Rotary Club Mugello Maurizio Vignini;
3 – Presidente della Sezione Soci Coop di Borgo San Lorenzo Giorgio Capecchi;
4 – Relatori: Ugo Barlozzetti, Riccardo Romeo Jasinski, Giuseppe Bergamaschi, Stefano Faucci con Sabrina Landi Malevolti, Elisa Marianini, Aldo Giovannini ( non solo per le sue applauditissime conferenze,ma che ha tenuto ma per i tanti e copiosissimi articoli scritto su OK!Mugello);
5 – Teatro Idea diretto da Vieri Chini;
6 – Coro Alpino del Mugello diretto da Paolo Martelli:
7 – Santi Malevolti e Ferdinando  Innocenti per l’ allestimento della Mostra di reperti;
8 – ANA  Sez. di Firenze Gruppo di Borgo San Lorenzo, capogruppo Giuseppe Tronconi:
9 – Ugo Arrighetti, Beppe Fredducci e tanti amici che mi hanno aiutata per le varie fasi dell’ evento;
10 – Ilaria Ontanetti e Grazia Gabellini dell’ Amministrazione Comunale;
10 – La mia famiglia, che mi segue e mi sostiene sempre!

La mostra degli oggetti con alcuni organizzatori; da sinistra Oliviero Panigassi, Sante Malevolti e Ferdinando Innocenti.

In questo Terzo Millennio, molti sono stati gli anniversari sia in sede locale, regionale e nazionale di grandi avvenimenti (anzi il prossimo anno sarà commemorato il tremendo terremoto che colpì il Mugello il 29 giugno 1919) e non nascondiamo che seguendo l’iter storico di tutti questi eventi commemorativi, siamo venuti a conoscenza di tanta storia, molta nascosta fra le pieghe del tempo, ma ritornata alla luce del sole, per meglio comprendere quello che è stato il nostro passato che ci ha portato alla vita odierna e per le giovani generazioni per quello che sarà il loro futuro

Pubblicità
Condividi
Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

4 Commenti

  1. spiace che nessuno ( mi pare) abbia ricordato la vicenda dei 3 pastorelli di Fatima che qualcosa…fecero nella vicenda triste della guerra, Inutile strage.
    Specie dopo averne parlato tanto l’anno scorso, mi riferisco alla grande stampa, naturalmente.

  2. Gentile Pietro, forse il comitato organizzatore se aveva pensato anche a questo aspetto, avrebbe dovuto ospitare un esperto specifico, ma mi consta che le cose erano tante e talmente tante da fare, dire e raccontare che qualcosa resta fuori. Lo sa per questo anniversario, domenica 4 novembre 2018, solamente due sono stati gli edifici che hanno issato il tricolore? Il palazzetto Mazzocchi in piazza Largo Lino Chini e nella villetta Vignini a Battiloro. Poi il nulla. Si figuri un po lei! Tante cordialità, Aldo Giovannini

  3. Possa questo anniversario far ragionare e capire verità talvolta scomode .
    La storia può insegnare il futuro .
    Ricordando e conoscendo si ricostruiscono valori di sana convivenza,naturalmente ci vuole anche buona volonta’.
    Acta non verbale
    Ugo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.