La tavola di Giotto mentre viene rimossa dalla colonna
Pubblicità

Chi, nei prossimi 30 giorni, varcherà la soglia della Pieve di Borgo San Lorenzo, non troverà la tavola della “ Madonnina con Bambino ”  di Giotto nella consueta posizione sulla colonna di destra.

L’opera, infatti, è stata trasferita temporaneamente per essere sottoposta ad un trattamento conservativo che ha promosso l’Unione dei Comuni del Mugello, in accordo con la Parrocchia di Borgo San Lorenzo e la Soprintendenza Fiorentina, a conclusione dell’evento denominato “Nel Mugello sotto il cielo di Giotto” (10 giugno 2017-7 gennaio 2018) organizzato per le celebrazioni del 750° anniversario della nascita del grande maestro della pittura italiana.

L’opera, in particolare, come abbiamo avuto modo di scrivere in un precedente articolo su OK!Mugello, viene sottoposta a un procedimento di “disinfestazione anossica”, cioè la tavola viene racchiusa in un involucro costituito da uno speciale film polibarriera, all’interno del quale è immessa aria atmosferica modificata. Il sacco rimarrà sigillato per tre settimane, con un controllo accurato dei parametri di concentrazione d’ossigeno, temperatura e umidità. In seguito sarà eseguito un trattamento antiparassitario e preservante.

“Con questo intervento all’unica opera giovanile di Giotto presente in Mugello, concludiamo il nostro omaggio a questo grande artista – sottolinea l’assessore al Turismo dell’Unione dei Comuni del Mugello Federico Ignesti -, in occasione del 750° anniversario della nascita. Un omaggio lungo otto mesi che si è concretizzato con la nuova illuminazione della Pieve di Borgo e con l’organizzazione dell’itinerario ‘Nel Mugello sotto il cielo di Giotto’ che, ricordiamo, partiva dal Museo del Beato Angelico di Vicchio con l’esposizione della splendida tavola Madonna di San Giorgio alla Costa, prestito dell’Arcidiocesi Fiorentina, ora esposta al Museo dell’Opera del Duomo di Firenze – sottolinea l’assessore Ignesti -, per proseguire alla Casa natale di Giotto a Vespignano, alla la Pieve di Borgo con la Madonna di Giotto e ad altri luoghi che conservano opere del trecento.

Un evento che ha richiesto una complessa organizzazione, ed ha ottenuto apprezzamenti e riscontri decisamente positivi. Nel solo museo vicchiese i visitatori sono aumentati del 371%, mentre – conclude l’assessore Ignesti – il numero complessivo di visitatori nei quattro musei coinvolti nell’itinerario ha visto un incremento del 27,3%”.

Uno dei tanti interventi per la salvaguardia dell’opera giottesca di Borgo San Lorenzo

(Foto cronaca di A.Giovannini)

Pubblicità
Condividi
Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.