Pubblicità

“Abbozzatela di rompere i c.”…. “La colpa non è del sistema ma dell’imbecillità diffusa”… Sono alcuni degli stralci di un post che una dipendente comunale ha pubblicato su Facebook. L’argomento è il passaggio alla raccolta porta a porta, e tutte le polemiche che ne sono sorte. Precisiamo che la redazione di OK!Mugello ha visionato il post in questione. E che, per quanto riguarda la prima frase (ossia “Abbozzatela di rompere i c.”….) in effetti pare trattarsi di un brutto scivolone, mentre per la seconda (quella sull’imbecillità diffusa) per quanto forte dobbiamo precisare che si riferisce agli abbandoni fuori cassonetto, e in effetti non può non essere condivisibile… Scrive comunque il portavoce di Forza Italia, Davide Galeotti:

Cittadini e Sudditi.
La maleducazione e la superbia di chi, dalla amministrazione pubblica, si rivolge ai cittadini ha passato il segno.
L’ introduzione del Porta a Porta a Borgo sta creando molte perplessità nella cittadinanza.
Legittimi dubbi di chi è chiamato a non trascurabili sacrifici per adottare il nuovo sistema di raccolta differenziata e che presto sarà chiamato ad ancor più pesanti sacrifici sul fronte delle tariffe rifiuti.
È perfettamente logico che molti cittadini siano poco contenti di questa novità ed esprimano dubbi sul metodo scelto per la raccolta.
Non è invece per niente legittimo che un dipendente comunale si metta ad insultare su Facebook, con epiteti da caserma, i cittadini che esprimono i loro legittimi dubbi.
“Abbozzatela di rompere i c.”
“La colpa non è del sistema ma dell’imbecillità diffusa”
Questo il modo con cui una dipendente comunale si rivolge a chi solleva legittima domande sulla propria pagina Facebook.
Ci chiediamo chi si creda di essere questa signora per potersi permettere di trattare così la cittadinanza che le paga lo stipendio?
Pensa di poter trattare i cittadini da sudditi?
La cosa logica sarebbe sollevare quel dipendente dall’incarico che le porta, evidentemente , troppe “rotture di …. ” , indirizzandola verso un incarico diverso
Ci aspettiamo una presa di distanza dell’ amministrazione comunale da certe uscite che risultano insulti verso la cittadinanza, e le scuse della dipendente pubblica ai cittadini, dai quali non sopporta le osservazioni, ma accetta volentieri il bonifico dello stipendio a fine mese.

Pubblicità
Condividi

1 COMMENTO

  1. Gentile Signora,
    si, è vero, siamo solo sudditi e non capiamo un c.
    d’altronde, un difetto della democrazia è quello della Libertà di pensiero, e per sua sfortuna non siamo (ancora) in una dittatura.
    Ma una domanda si impone, e dovrebbe essersela fatta anche Lei. PERCHE’ TUTTO CIO’ ??
    Se siamo arrivati a questo punto, cosa ha fatto la Pubblica amministrazione per evitare la nostra imbecillità??
    – ha messo cassonetti con fori in cui non passa una bottiglia di birra??
    – Ha istruito adeguatamente i sudditi con richiami ed istruzioni chiare ?
    – ha facilitato lo smaltimento degli ingombranti con procedure, cavilli, appuntamenti ad orari insulsi, oneri scaricati sui privati, norme burocratiche, formulari e chi più ne ha me metta ??
    – ha deciso insindacabilmente di aderire ad una soluzione Porta a Porta più onerosa ( +40% di tariffa per il 2018, senza aver avuto il servizio – le ricordo ), tanto pagano i sudditi ??
    – ha semplificato la vita dei cittadini ( mi è stato richiesto anche di “lavare” i rifiuti prima di conferirli… ) ?
    – Per sua norma, la differenziata funziona in quasi tutta Europa, e ci sono realtà ( senza andare a celebrare Germania o Austria ) che con i rifiuti fanno utili da 10M di Euro (Peccioli – PI ) offrendo servizi gratuiti ai sudditi (imu, ici, fibraweb, rifiuti ect )
    – La sua amministrazione ha programmato un business dei rifiuti a lungo termine, perché ciò divenga una risorsa, oppure si è limitata ad appaltare ad Alia, lavandosene le mani e scaricando sui sudditi gli oneri, magari con un disavanzo per le casse del comune ??
    – La soluzione dei problemi dei rifiuti – e dei presunti imbecilli – è quello di mettere fototrappole ??
    – oppure sanzionare, tanto e solo per rimpinguare le casse comunali ? ( sembra che il messaggio della politica sia vietare, incriminare e punire, piuttosto che educare… )
    – senza voler sindacare su tantissimi atti presi dalla Vostra amministrazione ( telecamere nel corso, parcheggi a pagamento e multe ad iosa, situazione delle strade e marciapiedi, gestione del demanio pubblico, gestione di scuole, asili, bus, ect. ect..) si sente proprio sicura di essere dalla parte della ragione ??

    Siamo sudditi, abbia pazienza, non capiamo un c…o, però ci stiamo anche rompendo i co….ni, se lo ricordi,
    Buonasera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.