Villa Brocchi
Pubblicità

Con i ringraziamenti a migranti, operatori e forze dell’ordine. Spiegano dal Progetto Accoglienza:

Le famiglie di richiedenti asilo e rifugiati accolte nell’ambito dello Sprar Mugello presso il Villaggio La Brocchi sono state tra i protagonisti dell’episodio del salvataggio di una bambina migrante sottratta per qualche ora alla sua famiglia nel pomeriggio di domenica 18 marzo.

Un uomo, a sua volta accolto al Villaggio, con una fragilità familiare alle spalle per via della quale era stato predisposto l’allontanamento della moglie e del figlio, è entrato in una delle stanze della casa d’accoglienza forzando la porta e portando via la bambina di un’altra famiglia.

Il tutto è avvenuto nell’arco di circa tre minuti. Immediato è stato l’intervento di tutti gli altri migranti (nigeriani, afghani, etiopi, ghanesi), che si sono attivati allertando il custode, il quale ha subito avvisato gli operatori del centro permettendo loro di intervenire tempestivamente e di chiamare i Carabinieri.

Gli ospiti stranieri del Villaggio La Brocchi hanno seguito l’uomo per rallentarne la fuga e provare a farlo ragionare, non perdendolo mai di vista. Grazie a questa sorveglianza ininterrotta, per gli operatori è stato possibile intercettarlo ancor prima che raggiungesse Borgo, in prossimità del ponte della Sieve, iniziando una delicata e proficua opera di mediazione che ha portato a ridurre via via la distanza fisica che li separava da lui.

Sono poi sopraggiunti i primi carabinieri, seguiti dai vigili del fuoco e dal personale medico. Grazie all’intervento decisivo delle forze dell’ordine, la bambina è stata poi tratta in salvo incolume e l’uomo fermato. Una vicenda in cui la collaborazione e la capacità di fare rete tra tutti i soggetti intervenuti, e ancor prima l’atteggiamento solidale e di attenzione dimostrati dalle singole persone, hanno permesso che l’ennesimo episodio con protagonista un uomo disperato e in procinto di compiere un atto grave si sia potuto risolvere nel migliore dei modi possibili.
Grazie a tutti.

Pubblicità
Condividi

Commenta l'articolo, scrivi qui!