Anno 1955. Beppe Poggiali con i ragazzi dell’oratorio salesiano in attesa  che giungano a Borgo un gruppo di ragazzi disabili per trascorrere con loro una giornata in letizia. Da quel giorno la catena di solidarietà non si è mai spezzata.
Pubblicità

ALTRI VOLONTARI ENTRANO NELL’UNITALSI

Domenica 2 dicembre 2018, fra le tante manifestazioni ed eventi  sul territorio, non vogliamo far passare sotto silenzio una cerimonia che si è tenuta all’interno del Santuario del SS.Crocifisso di Borgo San Lorenzo. Come scrivemmo in fase di presentazione il consiglio direttivo dell’Unitalsi  (l’associazione che trasporta gli ammalati e i disabili nei Santuari Mariani d’Italia e della Francia) aveva organizzato una giornata denominata “d’adesione”, cioè sensibilizzare uomini e donne volontari per entrare nell’associazione, poiché c’è sempre bisogno di persone che possano espletare questi servizi di grande solidarietà, di grande umanità verso il prossimo sofferente. I tempi sono quelli che sono, molte sono le associazioni di volontariato che denotano scarsità di volontari attivi  (vedi l’ultimo articolo sull’appello della Confraternita di Misericordia di Firenzuola), quindi l’appello dell’Unitalsi, che ebbe fondatore quella grande figura di Uomo come Beppe Poggiali, poteva andare deserto. Ed invece al termine della Santa Messa officiata dal cappellano don Antonio Lari, si sono alzate  nove persone per andare a ricevere i segni dell’Unitalsi ed entrare quindi a far parte attiva con coloro che  sono tanti anni che proseguono quella luminosa strada di carità cristiana tracciata nel 1954 dal citato Beppe Poggiali, premio della Bontà 1962. A queste persone diciamo solamente “buon lavoro” accanto ai malati che gli saranno nel tempo affidati.

Anno 2018.  Il gruppo di volontari entrati a far parte dell’Unitalsi del Mugello posano con i volontari già attivi da diversi anni.

(Foto A.Giovannini)

Pubblicità
Condividi
Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.